Materiali di rivestimento per la piscina: una scelta non solo tecnica

Materiali e percezioni sensoriali, un connubio fondamentale che va al di là del pur importante aspetto tecnico.

Quando si decide di dotare la propria abitazione o struttura ricettiva di una piscina, infatti, tra i fattori determinanti nell’effettuare una buona scelta per realizzare un “prodotto” integrato con l’ambiente e allo stesso tempo funzionale al suo scopo, c’è sicuramente la scelta dei materiali da utilizzare per il rivestimento interno. In realtà, per aumentare l’esperienza sensoriale della piscina e renderla esteticamente piacevole e d’effetto è possibile scegliere per le finiture qualsiasi materiale.

MATERIALI INNOVATIVI

Grazie al brand Teknopiscine, patrtner di Castiglione, MD Group è inoltre in grado di fornire anche alcuni materiali innovativi, che uniscono alla tradizione una modernità tecnologica in grado di venire incontro a esigenze nuove e clienti sempre più esigenti.

Il primo materiale innovativo usato dal nostro gruppo nella costruzione delle sue piscine è l’acciaio, Inox o zincato con metodo Sendzimir, di altissima qualità.
Quando l’acciaio è inox, viene laminato a caldo con un resistente strato di PVC; questa base, vigorosa e bella, può essere utilizzata sia come punto di partenza per l’applicazione di altri materiali che da sola. La struttura, utilizzata anche nelle grandi competizioni sportive, (recentemente ai mondiali di nuoto di  Budapest) prende il nome di
tecnologia Myrtha, ed è un brevetto di Piscine Castiglione che Teknopiscine può installare su richiesta.

Quando invece l’acciaio è zincato, il metodo a caldo Sendzimir lo rende molto più resistente, e il rivestimento in PVC viene posato in opera in cantiere: si tratta della tecnologia BlueStyle, bella e funzionale con costi più contenuti. Sia per Myrtha che per Blue Style, il rivestimento in PVC è disponibile non solo nel classico blu ma anche nel bianco e sabbia, per dare ancora più luminosità alla vasca, oppure nel nero, per gli amanti dello stile o per chi, per sfizio o necessità, vuole che la sua piscina si integri perfettamente nell’ambiente sembrando assolutamente naturale.

PER LE RIFINITURE, MATERIALI CHE EVOCHINO SENSAZIONI TATTILI

Il materiale più usato è, indubbiamente, la ceramica che, sempre bella e molto resistente, arricchisce la piscina grazie alle infinite variabili di geometrie e colori. Anche il materiale vetroso è molto utilizzato, soprattutto perché, grazie alla sua trasparenza, richiama la cristallinità dell’acqua facendo risplendere ancora di più la vostra vasca.

Per chi ama giocare e intrecciare colori e sfumature, è consigliabile invece l’utilizzo del mosaico, unico nel suo genere, che conferisce alla piscina un gusto classico ma molto raffinato e scenografico.

Anche la pietra naturale, in particolar modo quella autoctona, è consigliata per le decorazioni e la pavimentazione esterna. La pietra è in grado di conferire alla vasca quell’effetto di continuità con l’ambiente circostante, perfetto per quelle piscine immerse nella natura.

I MATERIALI SONO SENSAZIONI

In ogni caso, teknopiscine suggerisce di scegliere il materiale preferito ascoltando anche le sensazioni tattili che è in grado di evocare; è bene ricordare, infatti, che la piscina non è solo scenografia, ma anche un mix leggero e piacevole di sensazioni che i materiali con la quale è costruita sono in grado di trasmettere.